giovedì 24 aprile 2014 | 21:26

Cosenza, caos all'ufficio ticket
e all'ospedale arriva la polizia

Un'altra giornata di disagi fa esplodere la tensione all'Annunziata. La rete telematica va di nuovo in tilt, le procedure rallentano e la gente si esaspera. Così qualcuno comincia a urlare e alla fine devono intervenire le forze dell'ordine. Ma i problemi, ormai, stanno diventando frequenti
Cosenza, caos all'ufficio ticket
e all'ospedale arriva la polizia

È STATA una mattinata all’insegna del caos ieri all’ufficio ticket dell’ospedale dell’Annunziata. 
Non è stata la prima, a dirla tutta, visto che proprio pochi giorni fa vi raccontavamo di ammalati, anziani, donne e bambini per ore in piedi ad aspettare il proprio turno e di addetti agli sportelli alle prese con la rete telematica in tilt.
Ieri mattina il copione è stato praticamente lo stesso: i problemi sul sistema informatico dell’azienda ospedaliera hanno reso lentissime le operazioni di prenotazione e pagamento dei ticket. 
Dalla lentezza delle procedure all’esasperazione il passo è stato breve. È esplosa la protesta degli utenti, tra urla e lamentele. Gli uffici hanno dovuto richiedere l’intervento delle forze dell’ordine per calmare gli animi. 
Qualche settimana fa la direzione dell’ospedale era intervenuta, in risposta ai disagi già denunciati per le lunghe file, dicendo che l’azienda ospedaliera fa più del dovuto e che molte prestazioni spettano all’Asp. 
Tuttavia il disagio segnalato all’epoca e riesploso ieri è provocato dall’assenza di una corsia preferenziale per i degenti che sono già in reparto e che da lì vengono mandati a pagare il ticket per le visite, dalla mancanza di totem per il pagamento on line e soprattutto dai continui problemi sulla rete informatica dell’ospedale.
Problemi che il giorno prima avevano rallentato anche l’invio dei dati dall’azienda ospedaliera alla banca, rischiando il blocco del pagamento degli stipendi.
COSENZA - E' stata una mattinata all’insegna del caos ieri all’ufficio ticket dell’ospedale dell’Annunziata. Non è stata la prima, a dirla tutta, visto che proprio pochi giorni fa vi raccontavamo di ammalati, anziani, donne e bambini per ore in piedi ad aspettare il proprio turno e di addetti agli sportelli alle prese con la rete telematica in tilt.

Ieri mattina il copione è stato praticamente lo stesso: i problemi sul sistema informatico dell’azienda ospedaliera hanno reso lentissime le operazioni di prenotazione e pagamento dei ticket. Dalla lentezza delle procedure all’esasperazione il passo è stato breve. È esplosa la protesta degli utenti, tra urla e lamentele. Gli uffici hanno dovuto richiedere l’intervento delle forze dell’ordine per calmare gli animi. Qualche settimana fa la direzione dell’ospedale era intervenuta, in risposta ai disagi già denunciati per le lunghe file, dicendo che l’azienda ospedaliera fa più del dovuto e che molte prestazioni spettano all’Asp. 

Tuttavia il disagio segnalato all’epoca e riesploso ieri è provocato dall’assenza di una corsia preferenziale per i degenti che sono già in reparto e che da lì vengono mandati a pagare il ticket per le visite, dalla mancanza di totem per il pagamento on line e soprattutto dai continui problemi sulla rete informatica dell’ospedale.Problemi che il giorno prima avevano rallentato anche l’invio dei dati dall’azienda ospedaliera alla banca, rischiando il blocco del pagamento degli stipendi.

Maria F. Fortunato

sabato 28 settembre 2013 11:10

I blog di Il Quotidiano

MitaBorgogno
La cornacchia

di Mita Borgogno

Donne spalancate il frigo
è ora di dimagrire

 
FrancescoMollo
Mollo tutto

di Francesco Mollo

Avrei (fortemente) preferenza di no

 
BrunoGemelli
Miele&Fiele

di Bruno Gemelli

La ginestra di Riace

 
 Aceto & Gangi
Blog Calabria

di Aceto & Gangi

Il pesciolino rosso bollito

 
Padre RoccoBenvenuto
Santu nostru

di Padre Rocco Benvenuto

Chicago si mobilita nel nome di Francesco

 
FabioCuzzola
Zero in condotta

di Fabio Cuzzola

Leonida, Enea e gli unici scudi che conosciamo.

 
MaurizioZavaglia
Out of Calabria

di Maurizio Zavaglia

Il gelato australiano viene prodotto da calabresi